LA-VIA-FRANCIGENA.IT

 

INFO GENERALI

 

 

DOVE DORMIRE

 

 

PERCORSO PEDONALE UFFICIALE ITALIANO

 

 

NOLEGGIO AUTO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da San Gimignano a Monteriggioni


TAPPA 31: San Gimignano – Monteriggioni


Località di partenza : San Gimignano, Piazza della Cisterna
Località di arrivo : Monteriggioni, Piazza Roma
Durata totale tragitto : 7 h e 30 minuti
Distanza coperta: 29,8 km
Dislivello in salita: 513 metri
Dislivello in discesa: 563metri
Quota massima raggiunta: 320 metri  


Difficoltà e caratteristiche: tappa lunga ed impegnativa che si svolge su un tratto pavimentato al 28% e su diverse strade sterrate e carrareccie. La ciclabilità è più che buona. Si ricorda che è possibile trovare acqua solo nei centri abitati.
È considerata una delle tappe più belle e suggestive della Via.
Una delle prime località incontrate è il borgo medievale di Molino d'Aiano (un tempo San Martino in Foci) del comune Casole d'Elsa, in prossimità del torrente Riguardi.


Nelle campagne del Colle di Val d'Elsa, in località Coneo, troviamo la Badia, uno dei più antichi monasteri dei Vallombrosani, di cui è rimasta la chiesa in stile romanico-senese di Santa Maria, consacrata nel 1123.

 



 


Si giunge, poi al cuore di Colle di Val d'Elsa, Gracciano, divenuto famoso per le vicende che lo legano al vescovo missionario San Marziale, incaricato da Roma di evangelizzare i Galli.


Strove, è invece, una frazione del comune di Monteriggioni che fu castello della Repubblica di Siena a difesa del confine nord, verso lo stato fiorentino.
Monteriggioni, punto d'arrivo di questa meravigliosa e faticosa tappa, è compreso nella Montagnola Senese - una delle principali zone collinari della provincia di Siena.

 



 


Borgo tranquillo e senza tempo, custodisce preziosi gioielli architettonici, come l'Abbazia dei Santi Salvatore e Cirino, nella frazione di Abbadia a Isola.
Completata nel 1161, consiste in una basilica a tre navate (secondo lo stile lombardo diffuso nelle abbazie benedettine valdelsane), coperta a tetto con cripta (in origine a tre navatelle divise da colonnine concluse con capitelli ungulati) e conclusa da una tribuna triabsidata.

 

Il suo arredo artistico è molto ricco. Custodisce in particolare: un affresco staccato con Madonna in trono con Bambino, cherubini, angeli e santi di Taddeo di Bartolo, della fine del XIV secolo, un bel fonte battesimale istoriato del 1419; e l'affresco con l'Assunzione della Vergine di Vincenzo Tamagni.


 



 

 


  •  

 

 

  •  
     

la-via-francigena.it è una realizzazione
Net Reserve srl
Via A. Lamarmora, 22
50121 Firenze
Tel: 055.573331
P.Iva/C.F 02291930481

 

 




HOTELDove alloggiare

INFO UTILISulla Via Francigena

TAPPEdella Via Francigena

LA STORIATra passato e presente